Movimento o riposo?

È forse una delle domande più frequenti che ci viene fatta durante i nostri trattamenti❗
“Ma ora che mi sono fatto/a male devo stare fermo/a?”🥴
“Ma posso farlo allenamento o è meglio evitare?”🤔

Come per altri fattori, la risposta non può essere univoca. ✅
Dipende sempre da quale è la causa che ha portato quella persona sul nostro lettino.
Possiamo però fare 2 grandi distinzioni:

➡️Lesione grave (magari anche acuta)
➡️Dolore cronico o lesione lieve

❌Nel caso di una lesione grave, uno strappo, una frattura, una rottura di legamento (soprattutto se si è nella prima fase post trauma) è consigliabile evitare di sovraccaricare le strutture con il movimento e l’attività fisica. Questo per permettere ai tessuti, in piena fase infiammatoria, di rigenerarsi.

🆗Se invece si tratta di un dolore cronico (un mal di schiena che ogni tanto ritorna, una tendinite) o di una lesione non grave (una piccola distorsione, un risentimento muscolare) il movimento è altamente consigliato, perché in questo caso i tessuti non sono infiammati, o se è presente infiammazione è circoscritta e il nostro corpo la può gestire. Si tratta piuttosto di un’alterazione nella corretta coordinazione del movimento da parte delle strutture muscolo-scheletriche. Per questo motivo un movimento leggero, graduale e controllato può aiutare il nostro fisico a ritrovare l’equilibrio!

Quindi, a meno che siate costretti, non smettete mai di muovervi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.